Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
Progetto Dipartimenti di Eccellenza - DILEF

News

home page > News e avvisi > News > 7° centenario della morte di Dante
Stampa la notizia: 7° centenario della morte di Dante

News

7° centenario della morte di Dante

Presentate le iniziative a cura dei Musei del Bargello e di Università di Firenze

Dal 23 marzo al 25 luglio 2021, in occasione del settimo centenario dalla morte di Dante Alighieri, verrà realizzata la mostra «Onorevole e antico cittadino di Firenze». Il Bargello per Dante, che si terrà presso il Museo Nazionale del Bargello e sarà dedicata alla ricostruzione del rapporto tra Dante e Firenze: dagli anni immediatamente successivi alla morte del poeta fino agli anni Cinquanta del Trecento, presentandone gli attori, le iniziative, i luoghi, i temi.

 

La mostra, curata da Luca Azzetta, Sonia Chiodo, Teresa De Robertis, nasce nell’ambito di una collaborazione istituzionale sottoscritta tra i Dipartimenti di Lettere e Filosofia (DILEF) e di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo (SAGAS) dell’Università di Firenze e i Musei del Bargello, ed è patrocinata dal Comitato Nazionale Celebrazioni 750° anniversario della nascita di Dante Alighieri.

 

Momento di altissimo valore simbolico per la ricostruzione del rapporto tra Dante e la sua città natale è la sorprendente inclusione del poeta tra le schiere degli eletti nel Paradiso dipinto nel 1337 dagli allievi e collaboratori di Giotto di Bondone nella cappella del Podestà al Bargello, non solo luogo simbolo del connubio tra la giustizia degli uomini e quella divina, ma anche luogo reale nella biografia dell’Alighieri, giacché nella Sala dell’Udienza (oggi Salone di Donatello) del Palazzo del Podestà, poi del Bargello, il sommo poeta venne condannato definitivamente all’esilio il 10 marzo 1302, e a essere arso sul rogo se fosse tornato a Firenze. Quella di Giotto è dunque una scelta di rilievo pubblico di complessa interpretazione entro il percorso a cui Firenze dà avvio nei confronti del suo figlio più illustre. Il 1337 d’altra parte è anche l’anno in cui Francesco di ser Nardo da Barberino termina la copia del ms. Trivulziano 1080, uno dei codici più importanti nella tradizione della Commedia. Intorno a questa data, nel decennio precedente e in quelli subito successivi, si realizza un processo di costruzione della memoria, tra storia e leggenda, che permette al capoluogo toscano di riappropriarsi dell’opera e della figura di Dante.

 

La mostra, che vedrà esposti (in parte per la prima volta) manoscritti e opere d’arte provenienti da tutto il mondo, sarà articolata in sei sezioni e presenterà le tappe e i protagonisti della ricostruzione postuma di questo rapporto tra Firenze, l’Alighieri e la sua opera, nel secondo quarto del Trecento. Si tratta di copisti, miniatori, commentatori, lettori, volgarizzatori, le cui vicende professionali e umane si intrecciano fittamente, restituendo l’immagine di una città che sembra trasformarsi in uno scriptorium diffuso al centro del quale campeggia la Commedia, e in cui i libri circolano con abbondanza e prendono vita nuove soluzioni artistiche e codicologiche proprio in relazione al poema dantesco.

 

A questi protagonisti, i cui nomi talvolta sono noti, più spesso restano sepolti nelle pieghe recondite del passato, la mostra intende dare voce. Le sezioni che la costituiscono (e che s’intendono in stretto rapporto dialogico tra loro) mettono al centro ciascuna un aspetto particolare di questo percorso, che porterà Villani a definire Dante «onorevole e antico cittadino di Firenze», laddove il poeta si era invece professato exul immeritus, arrivando a ripudiare la sua appartenenza alla città, definendosi fiorentino per nascita ma non per costumi («Florentinus natione non moribus»). Ereditando questa riappropriazione di Dante compiuta a Firenze attraverso le sue opere, di lì a pochi anni Giovanni Boccaccio potrà costruire il suo personale monumento cartaceo in onore del poeta, portando a compimento una rilettura e un ritratto di Dante destinati a segnare i secoli successivi.

 

La mostra, frutto di ricerche condotte negli ultimi decenni, è stata preceduta da un ciclo di Seminari di Filologia dantesca tenuti presso il DILEF, aperti alla partecipazione di studenti e studiosi provenienti da tutta Italia, e sarà accompagnata nel corso del 2021 da analoghe iniziative didattiche volte a narrare aspetti propri dell’opera di Dante e della sua ricezione presso i suoi primi lettori.

24 Settembre 2020
Condividi su Facebook Twitter LinkedIn
Unifi Home Page Dipartimento di Lettere e Filosofia DILEF

Inizio pagina